venerdì 21 marzo 2014

Felice primavera!

Dopo mesi di vuoto pneumatico (sul blog e dentro la mia testa) rieccomi uscita dal letargo e pronta per le sfide primaverili!
Una sfida che mi è stata proposta è quella di fare delle illustrazioni per il blog ZigZa-Go: blog molto interessante, scritto a più mani, che cerca di dare una visione del mondo "zigzagando" per tanti punti di vista e trattando tanti argomenti diversi.
Così la prima illustrazione che ho fatto per loro riguarda la Giornata Internazionale della felicità: celebrata il 20 marzo (ieri), è stata istituita dall'Assemblea generale dell'ONU.

Ed ecco la bella proclamazione:
"L'Assemblea generale [...] consapevole che la ricerca della felicità è un scopo fondamentale dell'umanità, [...] riconoscendo inoltre di un approccio più inclusivo, equo ed equilibrato alla crescita economica che promuova lo sviluppo sostenibile, l'eradicazione della povertà, la felicità e il benessere di tutte le persone, decide di proclamare il 20 marzo la Giornata Internazionale della Felicità, invita tutti gli stati membri, le organizzazioni del sistema delle Nazioni Unite, e altri organismi internazionali e regionali, così come la società civile, incluse le organizzazioni non governative e i singoli individui, a celebrare la ricorrenza della Giornata Internazionale della Felicità in maniera appropriata, anche attraverso attività educative di crescita della consapevolezza pubblica [...] Il perseguimento della felicità è al centro degli sforzi umani. Le persone in tutto il mondo aspirano a condurre vite felici e appaganti, libere dalla paura e dal bisogno e in armonia con la natura."

Che bello... Bisognerebbe proprio imparare ad essere felici! Ripartire da se stessi, capire le proprie e altrui emozioni, esaltarle al meglio. E' grandioso che anche importanti istituzioni come l'ONU ci ricordino che senza un pizzico di felicità non si possono assaporare le cose belle della vita!

Così ecco la mia illustrazione, che faccio conciliare con l'avvento della primavera. Quale periodo migliore per essere un po' più felici?! Gli alberi in fiore con il loro profumo e i loro colori, la brezza calda che arriva dopo tanto freddo, le lunghe passeggiate nei boschi, le rondini che tornano a far sentire i loro cinguettii... La primavera è poesia!

Ho fatto il disegno iniziale della donna su un foglio giallo (è più semplice che partire dall'asettico foglio bianco) a matita. Poi non sapendo come continuare  ho preso un pezzo di foglio lucido e ho cominciato a tracciare dei segni colorati con i pantoni.



Alla fine mi è piaciuto il risultato finale così l'ho poi elaborato digitalmente, mettendo del colore sulla figura femminile e modificando un po' la composizione generale. E questa è l'illustrazione completata!


Felice Primavera a tutti quanti!

venerdì 29 marzo 2013

Storia di una madre

Sono da poco tornata da Bologna. Cosa c'è a Bologna? 
Ogni anno, verso fine marzo, viene allestita la Children's Book Fair,ovvero la fiera del libro d'infanzia. 
E' una manifestazione che raccoglie case editrici di tutto il mondo nell'intento principale di vendere i diritti dei propri libri. Dentro questo grande tran tran esiste una grande fetta dedicata esclusivamente all'illustrazione: infatti, anche se la fiera non ha lo scopo principale di  promuovere gli illustratori e il loro lavoro, ogni anno vengono accolti centinaia di migliaia di artisti che hanno la speranza e la tenacia di farsi conoscere e magari trovare i contatti giusti per magari un giorno vedersi pubblicare il proprio libro.

Per questo è stato il quarto anno: mi sembra tanto ma al contempo poco. 
Tanto perchè oramai ho imparato a  capire i ritmi e magari qualche chicca della fiera, che solo vivendola per un po' di anni si può apprenderne il senso. 
Poco perchè sento che devono ancora fare mie tante cose che la fiera offre, sebbene ne abbia capito il senso generale. Sento che devo ancora conoscere tante persone, che devo imparare cosa vuol dire intraprendenza e serietà, che devo migliorare per poter essere un giorno veramente pronta ad affrontare la realtà della fiera e del lavoro che ne consegue.

Così quest'anno, rispetto a quelli passati, volevo andare a Bologna un po' più preparata e salire un gradino che gli anni passati non avevo avuto il coraggio nè la preparazione di affrontare. Ho deciso di provare a portare a termine un progetto libro. Ho scelto il racconto di Handersen, "Storia di una madre" (la storia la potete trovare qui). E' una fiaba piuttosto triste ma che mi ha colpito subito, perchè profonda e ricca di immagini. In questo periodo di ricerca di stile ho provato una tecnica che fino ad ora avevo poco sperimentato: matita con colorazione ed elaborazione digitale.

Anche quest'anno Bologna mi ha fatto provare tante emozioni, positive e negative che solo lì riesco a sentire. Nel bene e nel male vivere tre giorni immersi nei libri, nell'arte è un'esperienza assolutamente indescrivibile.





L'occhio del lupo

Queste sono delle possibili copertine per il libro "L'occhio del lupo" di Daniel Pennac, che ho mandato per il concorso indetto dalla Salani, in occasione dei suoi 150 anni.
Lessi questo libro da bambina e fin da allora me ne innamorai.
Dopo anni e anni l'ho riletto proprio per fare questo concorso e me ne sono innamorata ancora una volta.
Semplice, dolce, profondo. L'esempio perfetto del fatto che uno sguardo vale più di mille parole. Consigliatissimo. Come spesso succede, questo racconto è molto di più che un libro per bambini.

Tecnica mista

Tecnica mista 
(illustrazione che ho mandato per il concorso)




martedì 19 febbraio 2013

Votare?!?!

Credo di essere la persona meno indicata per parlare di politica, però ci voglio provare lo stesso.
Nonostante la mia poca conoscenza delle dinamiche politiche passate, presenti e future, mi sono sempre chiesta quanto possa valere il piccolo e insignificante voto di una persona, che come me, non ha fatto della politica il suo principale interesse o che comunque non ne conosce abbastanza per dare un giudizio meritevole.
Per caso ho visto un frammento del festival di Sanremo, dove Bisio monologava cercando di impreziosirsi il pubblico. In generale non mi ha fatto impazzire il suo pezzo, però una cosa vera l'ha detta: "Io quando dicevo tutti casa, non stavo parlando degli eletti, stavo parlando degli elettori". Già, gli elettori... Io dovrei essere la prima ad andare a casa! Purtroppo però credo sia in parte la verità. Perchè parlandoci chiaro, siamo noi i primi disonesti, i primi ipocriti, i primi disinteressati, i primi ingenui.
Non voglio dilungarmi, ma voglio solo far capire a me e a quelli che mi leggono che la causa della situazione difficile in cui ci troviamo siamo ANCHE noi. Perchè per noi tutto è lecito, quando siamo noi che trasgrediamo lo facciamo con le migliori intenzioni, che il dito accusatore lo puntiamo sempre verso qualcun'altro senza pensare a quello che invece potremmo migliorare in noi stessi.
Quindi perchè votare?? Perchè è un diritto ma soprattutto un dovere. Perchè ci lamentiamo sempre di tutto ma non alziamo un dito per cercare di cambiare quello che non va. Perchè la nostra parte la dobbiamo adempiere... e la nostra parte è mettere un crocetta su un foglio elettorale; sarebbe un buon inizio per tutti.
Quella crocetta però non bisogna tracciarla ad occhi chiusi. Anche se è difficile in questo momento credere in un miglioramento, bisogna cercare di fare la scelta GIUSTA. E giusta non implica votare chi vi promette la Luna... è solo uno specchio per le allodole!! Non fatevi ingannare ancora una volta!!
Scegliete chi per voi sembra che abbia la testa sulle spalle, che gli impegni che dice di prendere siano realizzabili realisticamente e per il bene del Paese.

Buon voto a tutti!!
Giorgia

Ps: Qua sotto c'è una mia illustrazione, realizzata ormai un anno fa, ma che è ancora perfettamente attuale!

Tecnica: acquerello


martedì 22 gennaio 2013

Non bisogna dimenticare

Piccola illustrazione in occasione del giorno della Memoria, domenica 27 gennaio.
Fin da piccola la disgrazia della Shoah mi ha sempre molto colpito; non sono mai riuscita a capire come un singolo uomo possa aver portato così tanto male. Purtroppo ciò è avvenuto e nella speranza che terribili devastazioni come quella dell'olocausto non capitino più, il dovere di tutti è quello di tenere sempre vivo il ricordo di questa tragedia.

Per fare questa illustrazione sono partita da uno schizzo a matita del corpo dell'uomo, andando a modficicare e completare il tutto a Photoshop, incollando texture e foto, cercando di rendere il tutto un po' vecchio e fumoso. 
In questo periodo sto sperimentando altre vie di stile... chissà dove mi porteranno!
Giorgia


Ps: per chi non avesse niente da leggere e non l'avesse ancora letta, la graphic novel "Maus" di Art Spiegelman è un perfetto spaccato della situazione vissuta al tempo, resa graficamente interessantissima. Assolutamente da leggere.


martedì 30 ottobre 2012

Da Paura!

Volendo omaggiare la mia festa preferita (essendo anche la data della mia nascita) ho realizzato un'illustrazione un po' dark, sperimentando la tecnica digitale.
Nella speranza di avervi inquietato almeno un poco, vi auguro un buon Halloween a tutti!
Al prossimo post
Giorgia


venerdì 28 settembre 2012

Leggere Tutti Junior

La mia illustrazione è stata scelta come copertina della rivista Leggere Tutti, sezione Junior.
Inoltre c'è un'anteprima: proprio questa illustrazione mi porterà a Barcellona! In seguito ci saranno altre news riguardo a questo progetto!
Spagna ilegoooooo (arrivoooo)!!!!
Giorgia

Tecnica digitale